Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
9 giugno 2009 2 09 /06 /giugno /2009 14:44

Avremmo potuto avere agevolmente una rappresentanza di sinistra al Parlamento europeo ed è stato commesso l'ultimo errore elettorale. La Rete di ecologia sociale aveva sottoscritto l'appello per la lista unitaria della sinistra, lanciato prima che si formassero le liste: non se ne è fatto nulla a livello nazionale. D'altronde le lacerazioni seguite all'esperienza della Sinistra arcobaleno non avevano avuto modo di rimarginarsi, con quel che ne consegue. E le elezioni sono arrivate troppo presto.


Ma adesso è l'ora di meditare sulla sinistra degli ultimi anni, possibilmente con serenità, sicuramente con onestà intellettuale e politica e nello stesso tempo con la generosità che chiedono gli elettori di Sinistra e libertà e di Rifondazione-Comunisti italiani. A Messina, complessivamente, sono stati 3.728: non considerando tanto la percentuale totale del 4.60, falsata dall'astensionismo, ma a questi occorre dare una risposta, e presto.


Il momento è propizio. Sembrerebbe strano dirlo, ma forse si è in presenza di un inizio di inversione di tendenza. Forse non andiamo incontro al bipartitismo strangolatore, non tutti sembrano più tanto invaghiti di Berlusconi, la protesta si esprime anche nelle forme più "spurie" ma pur sempre s'esprime (5.500 voti a Italia dei Valori, 1.600 ai radicali). E la Sinistra può contare su 3.728 consensi.


La Rete di ecologia sociale propone allora un incontro a breve di discussione fra gli aderenti e simpatizzanti di Sinistra e libertà e quelli di Rifondazione-Comunisti italiani, in cui analizzare insieme la situazione e, intanto, prendere posizione sul referendum del 21 giugno. Rivendicare da subito un'azione astensionista e proporre un ritorno a sistemi elettorali col proporzionale e con la preferenza può essere un'opzione: vale la pena discuterla.


Dall'incontro immediatamente successivo a quello dell'analisi dovrebbe uscire un patto di consultazione e di azione comune a sinistra: è il momento di riprendere protagonismo nel mondo del lavoro, di rilanciare le proposte praticabili per affrontare la crisi, di "riattaccare il contatto" popolare, anche semplicemente sul piano della contro-informazione. Su tutto questo la Rete di ecologia sociale ritiene siano poche le cose concrete che differenziano le "due sinistre", una delle quali dovrebbe prendere atto che non bastano i simboli per conquistare la fiducia, l'altra che non bastano i "sogni", occorre "incarnarli" e renderli davvero utili.


Giuseppe Restifo

Condividi post
Repost0

commenti

Presentazione

  • : Blog di maurizio
  • : Per tutti quelli che desiderano una informazione corretta fuori dagli schemi e per tutti quelli amanti della fotografia e della musica.
  • Contatti

Testo Libero

 <!-- BERLUSPUNCHBALL --><script type="text/javascript" src="http://aliendrawer.altervista.org/berluspunchball/flashobject.js"></script><div id="flashcontent"><strong>Se vedete questo testo ci sono problemi con la visualizzazione del BerlusPunchball<br /><br />If you see this text there are troubles to view BerlusPunchball</strong></div><script type="text/javascript">var fo = new FlashObject("http://digilander.libero.it/AlienDrawer/berluspunchball/berluspunchball.swf", "berluspunchball", "160", "300", "6", "#000000"); fo.addParam("wmode", "transparent"); fo.write("flashcontent");</script><!-- fine BERLUSPUNCHBALL -->

Archivi

Categorie